Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Ubriaco aggredisce i medici dell`ospedale di Cava de` Tirreni e i poliziotti, arrestato

14 / 06 / 2014

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Un uomo, giunto al pronto soccorso dell'ospedale di Cava de' Tirreni con una ferita al braccio e ubriaco, ha dapprima aggredito i medici e le guardie giurate per poi scagliarsi contro gli agenti intervenuti per calmarlo. S.G., 38enne di Cava, è stato arrestato alle 7 di questa mattina dagli uomini della Volante del locale commissariato per maltrattamenti in famiglia, interruzione di pubblico servizio, lesioni e minacce ai vigilantes del locale nosocomio, violenza, minacce, resistenza, lesioni e oltraggio a pubblico ufficiale, danneggiamento aggravato di strutture dello stato. L'uomo era stato portato al pronto soccorso in seguito ad un diverbio avuto con la sorella durante il quale l'altro fratello, per impedirgli di entrare in casa e continuare ad inveire, l'aveva chiuso fuori. S.G., allora, avrebbe frantumato a calci e pugni il vetro del portone d'ingresso, ferendosi. Portato in ospedale ha aggredito il personale medico e le guardie giurate del pronto soccorso, quando uno dei presenti ha avvertito la Polizia. Giunti sul posto, gli agenti si sono visti a loro volta aggredire sia fisicamente che verbalmente. Portatolo in commissariato per consentire il ripristino dell'assistenza sanitaria, l'uomo non ha mostrato di volersi calmare, iniziando anzi a strapparsi le medicazioni imbrattando così le pareti e i pavimenti di sangue tanto da rendere necessario l'intervento del 118 per medicarlo nuovamente. In base alle dichiarazioni dei congiunti, è emerso che S.G. era solito mostrarsi aggressivo con i famigliari quando beveva. Dopo l'arresto, è stato portato alla casa circondariale di Salerno a disposizione dell'autorità giudiziaria.
ubriaco aggressione medici polizia polizia cava de` tirreni
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.