Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Crisi della sanitÓ in Campania, stop ai ricoveri nell’ospedale di Agropoli

11 / 06 / 2013

|

Tiziana Illustrazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


È iniziato ieri mattina alle 8 lo stop ai ricoveri nell’ospedale di Agropoli. Lo ha comunicato la direzione strategia aziendale  con una nota al direttore sanitario del presidio ospedalieri di Agropoli, ai direttori sanitari di tutti i presidi ospedalieri dell’Asl, al direttore Emergenza Urgenza, ai responsabile Cot 118 di Salerno e Vallo della Lucania, ai direttori dei distretti e alle organizzazioni sindacali provinciali. I pazienti ricoverati sono stati dimessi e trasferiti ad altri ospedali dell’azienda per competenza specialistica improrogabilmente, oltre le ore 8 di lunedì 17 giugno. La Direzione Strategica ha disposto che, presso la sede del Pronto Soccorso dell’ospedale di Agropoli, da giovedì 20 giugno sarà attivata una postazione di pronto soccorso territoriale (Psaut). Contemporaneamente all’attivazione del Psaut verrà sospesa l’attività del Pronto Soccorso e si procederà alla sospensione dei servizi di radiologia e laboratorio d’analisi. La decisione presa è una conseguenza dell’applicazione del Decreto 49 del commissario ad acta per la prosecuzione del Piano di rientro del settore sanitario del 27 ottobre 2010, che prevede il riassetto della rete ospedaliera e territoriale con adeguati interventi per la dismissione, riconversione, riorganizzazione dei presidi non in grado di assicurare i profili di efficienza e efficacia. “La decisione assunta – afferma il direttore generale Antonio Squillante – è stata molto sofferta ma al tempo stesso obbligatoria perché prevista da disposizioni regionali e nazionali nell’ambito dell’attuazione del piano di rientro del settore sanitario previsto con deliberazione del Consiglio dei Ministri adottata in data 24 aprile 2010. Nell’invitare gli amministratori locali e gli operatori del settore sanitario ad una fattiva collaborazione si conferma che nella struttura saranno concentrate tutte le attività distrettuali. Inoltre il Presidio assicurerà un’assistenza ambulatoriale complessa e sarà utilizzato come centro di eccellenza per ammalati in stato neurovegetativo e comatoso. Sono certo che sia gli amministratori locali che i cittadini comprenderanno la validità delle decisioni prese, forse impopolari ma certamente necessarie”. 
 
ospedale agropoli asl ricoveri ricoveri pronto soccorso
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi lÔÇÖuso dei cookies.