Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Eboli, il Movimento 5 Stelle contro il capogruppo Pd: 'Ma conosce gli atti del bilancio?'

07 / 10 / 2014

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


Il Movimento 5 Stelle di Eboli rimane sbigottito dalle dichiarazioni del capogruppo del Pd in consiglio comunale, relative all’avere definito  i “ conti in ordine" e "il Commissario ha approvato bilancio e rendiconto”. Tali affermazioni suscitano la fondata convinzione di trovarsi a vivere in una altra realtà comunale. «Il rendiconto - si legge in una nota - è da sempre sinonimo di bilancio consuntivo che è stato approvato nell’aprile dello scorso anno, quindi non si comprende a quale approvazione si riferisse a meno che l’esponente capogruppo del PD non scambi gli allegati al bilancio di previsione costituiti da bilancio pluriennale, relazione previsionale e programmatica e consuntivo approvato ad aprile scorso con il rendiconto. Il Comune ha utilizzato il cosiddetto “decreto Salva Comuni” ovvero attivato la procedura per il riequilibrio finanziario pluriennale e questo al contrario di quello che dice il capogruppo Pd, dimostra che i conti non erano in ordine. In proposito sarebbe interessante e soprattutto trasparente conoscere la delibera della Corte dei Conti che ha approvato il piano di riequilibrio. Piano che ingessa il bilancio per i prossimi 10 anni portando al massimo livello tasse e tariffe quindi con oneri a carico dei cittadini che dovranno pagare le dissolutezze di chi ha governato il nostro Comune. Il Comune di Eboli con la trovata estemporanea del Governo Monti si è inventato il “ pre-dissesto” ovvero l’evitare la bancarotta, il fallimento che vuol dire la procedura di dissesto che determina l’arrivo di un commissario, che garantisca solo i servizi essenziali ai cittadini, vende il patrimonio disponibile, blocca l’accumulo degli interessi passivi e sposta, se necessario, il personale pubblico, allo scopo di raggiungere di nuovo l’equilibrio di bilancio. Questo ha rischiato il nostro Comune di Eboli, altro che i conti in ordine. Sarebbe invece doveroso fare una operazione di trasparenza sul reale stato dei conti. 45 milioni di Euro di debiti sono ripartiti su 10 anni ed ulteriori potenziali debiti per 15 milioni di Euro che potrebbero essere determinati dalle sentenze di eventuale condanna per espropri in area PIP. Infine, le approvazioni del Commissario sono mere prese d’atto e null’altro, pertanto una delegazione degli Attivisti 5 Stelle chiederanno un incontro al Commissario per avere ulteriori informazioni».

eboli movimento 5 stelle capogruppo pd polemica bilancio commissario
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.