Continua a seguire NOI CASERTA anche sui Social Network

Aggregisce poliziotti ed infermieri, cosparge il commissariato con il suo sangue: arrestato un uomo a Cava de` Tirreni

16 / 06 / 2014

|

Redazione

Stampa l'articolo


Invia l'articolo


E' stato arrestato questa mattina dagli agenti delle volanti, S.G. 38enne originario di Cava ritenuto responsabile di maltrattamenti in famiglia, interruzione di pubblico servizio, lesioni e minacce ai vigilantes del locale nosocomio, nonchè violenza, minacce, resistenza, lesioni e oltraggio a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato di strutture dello stato. I poliziotti, infatti, sono intervenuti presso il pronto soccorso dell’ospedale di Cava, dopo aver ricevuto una segnalazione: l'uomo stava aggredendo i medici e le guardie giurate di servizio. S.G. , in evidente stato di agitazione dovuto ad ubriachezza, aveva aggredito sia il personale medico che lo stava curando per una ferita al braccio e sia le guardie di servizio alla struttura: non contento si è scagliato anche contro la polizia giunta sul posto. Trasportato in commissariato, l'uomo improvvisamente si è strappato le medicazioni ed ha iniziato ad imbrattare le pareti ed il pavimento con il suo sangue, tanto che è dovuto intervenire il personale del 118 per medicarlo nuovamente. Le ferite prima curate al pronto soccorso, se le era procurate a seguito di un diverbio con sua sorella: l’altro fratello, per evitare che entrasse in casa e continuasse ad inveire contro di lei, aveva tentato di fermarlo sull’ingresso dello stabile, dove, poco prima, aveva infranto con pugni e calci il vetro del portone d’ingresso ferendosi. S.G., in più occasioni, era stato aggressivo nei confronti dei propri familiari, soprattutto da ubriaco. Ora si trova nel carcere di Fuorni, a disposizione dell'autorità giudiziaria.

cava de` tirreni 38enne arrestato aggredisce aggredisce infermiere
© Riproduzione Riservata

POTREBBE INTERESSARTI

clicca qui per ridurre


ARTICOLI CORRELATI

Seguici


Per offrirti il miglior servizio possibile il giornale utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies.